domenica, Giugno 16, 2024
 

Carenza di farmaci: come uscire dall’impasse?

Le difficoltà di approvvigionamento dei farmaci si fanno sentire sempre di più. Farmaci di uso comune, come le versioni pediatriche del paracetamolo o dell’amoxicillina, sono ormai difficili da reperire. Di fronte a un fenomeno che tende ad aggravarsi, cresce la preoccupazione. Una task force sta cercando di trovare soluzioni per sbloccare la situazione. Tutti i dettagli.

Da diversi mesi gli scaffali di alcune farmacie sono desolatamente vuoti. La situazione viene definita “problematica” dall’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese (UFES). La novità è che la carenza riguarda ora anche i farmaci destinati al pubblico. La carenza, che riguardava principalmente il settore ospedaliero, ora interessa anche il settore ambulatoriale (farmacie e studi medici). Molti farmaci essenziali, come antidolorifici, antibiotici, ma anche iniettori di adrenalina e vaccini, sono esauriti o disponibili in quantità molto limitate.

Una crisi dai molteplici fattori

“Da diversi anni stiamo sensibilizzando le autorità su questo problema”, afferma Nicole Demierre Rossier, portavoce per la Svizzera francese di PharmaSuisse, l’associazione dei farmacisti svizzeri. Questi periodi critici tendono ad accelerare e ad intensificarsi. La crisi attuale è internazionale e risale al 2019. Ma in realtà le radici del problema sono profonde: in 30 anni, la produzione dell’80% dei principi attivi è stata trasferita in Asia, in particolare in Cina e in India, che sono a loro volta grandi consumatori. Le tensioni sono dovute anche a un numero ristretto di attori che concentrano un’ampia quota di produzione: il 40% dei farmaci generici è prodotto da due laboratori nel mondo.

Negli ultimi anni, questa produzione è stata gravemente compromessa dalla pandemia di coronavirus. Inoltre, le recenti e particolarmente virulente epidemie di influenza e bronchiolite hanno aumentato il fabbisogno di prodotti come il paracetamolo, causando difficoltà di approvvigionamento in un mercato già rigido. Infine, la crisi energetica ha aggravato la situazione: le aziende responsabili della produzione di additivi e del confezionamento dei farmaci sono talvolta costrette a ridurre la produzione a causa dell’aumento delle spese per l’energia e le materie prime.

Farmaci, un bene raro

Secondo un elenco stilato dall’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico (OFAE), al 22 marzo erano disponibili circa 150 farmaci in quantità limitata o esauriti. PharmaSuisse deplora “uno spreco di tempo medico, farmaceutico e logistico, nonché rischi per la salute dei pazienti che soffrono in particolare di malattie croniche”. La situazione è infatti particolarmente grave nel caso di patologie come il cancro, poiché la carenza di alcune molecole rappresenta una perdita di opportunità per le persone interessate.

I team delle farmacie si sforzano di trovare alternative, di rassicurare i pazienti e di garantire la continuità e la sicurezza del loro trattamento… “Senza alcun compenso per questo lavoro supplementare“, si rammarica il portavoce di PharmaSuisse per la Svizzera francese. Alcuni pazienti sono costretti a percorrere diversi chilometri perché la loro farmacia abituale ha esaurito le scorte. Altri rinunciano, interrompono o rimandano il trattamento perché alcune molecole sono inaccessibili.

Le misure attuate

All’inizio dell’anno, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha annunciato che le farmacie possono ora produrre preparati magistrali a partire da un farmaco presente nell’elenco delle specialità, in caso di carenza di scorte. Questi preparati sono rimborsati dall’assicurazione sanitaria obbligatoria, cosa che prima non avveniva. Le assicurazioni sanitarie coprono poi i costi dei farmaci prodotti dalle farmacie stesse, come ad esempio uno sciroppo per il trattamento del dolore dei bambini. PharmaSuisse sottolinea però che permane un problema importante: “Il rimborso dei farmaci composti avviene sulla base di un elenco di farmaci con tariffa (LMT) obsoleto, risalente al 2005. Allo stato attuale, i costi dei farmacisti non sono coperti.

Più recentemente, il 22 marzo, la task force istituita dall’AEP ha raccomandato che le farmacie e gli studi medici prescrivano e dispensino alcuni farmaci in quantità limitate, per quanto possibile, tranne nei casi di malattie croniche.L’obiettivo è quello di distribuire le unità di farmaci disponibili su un numero maggiore di pazienti e di evitare lo smaltimento di confezioni aperte. L’entità dell’effetto dipenderà principalmente dalla disponibilità delle confezioni e dalle loro dimensioni”, spiega Thomas Grünwald, responsabile della comunicazione dell’UFAM, pur riconoscendo che “si tratta di un lavoro supplementare.Le farmacie e gli studi medici che forniscono direttamente i farmaci ai pazienti devono etichettare le quantità suddivise in base alle informazioni riportate sulla confezione originale, effettuare un controllo e documentare debitamente il processo, quest’ultimo per garantire la tracciabilità in caso di ritiro dei farmaci in questione. L’aspetto oneroso e dispendioso in termini di tempo è sottolineato da molti farmacisti:

L’aspetto oneroso e dispendioso in termini di tempo è sottolineato da molti farmacisti:“Dividere una confezione per darne una parte a diversi pazienti non è una sciocchezza in termini di responsabilità civile, tracciabilità, etichettatura, confezionamento, riproduzione del foglietto illustrativo, ecc. Queste misure comportano un nuovo carico di lavoro quotidiano per le farmacie, la cui remunerazione non copre le spese”, spiega Nicole Demierre Rossier. Nonostante le intense trattative, la nostra associazione si rammarica di non essere riuscita a trovare una soluzione migliore per la remunerazione dei servizi dei farmacisti. Ci auguriamo che la situazione venga presto risolta”.

La sfida di una strategia a lungo termine

Per molte sostanze, le scorte vengono reintegrate da queste riserve strategiche, che il governo federale ha rilasciato alla fine di febbraio. Non è la prima volta! Già l’anno scorso erano state presentate più di 150 richieste, un numero record. All’epoca, l’EPA riteneva che l’offerta di farmaci fosse “sotto forte pressione“, e il rilascio delle riserve ha alleggerito il mercato in circa 120 casi.

Dei nuovi contatti con l’industria farmaceutica potrebbero aiutare a sbloccare la situazione? Esistono già stretti contatti con il settore privato, ad esempio attraverso la Divisione Prodotti Terapeutici dell’Agenzia Nazionale per l’Approvvigionamento Economico, in cui lavorano persone provenienti dall’industria. Anche il settore privato è coinvolto nella task force“, afferma Thomas Grünwald. Da parte sua, PharmaSuisse continua a partecipare a diversi gruppi di lavoro e task force per trovare soluzioni a breve e medio termine: “È compito delle autorità avviare discussioni con i rappresentanti dell’industria farmaceutica. Devono occuparsi della questione dei prezzi dei farmaci, soprattutto di quelli più vecchi, e creare le condizioni quadro a livello federale per evitare la carenza di prodotti terapeutici e di altri beni medici, essenziali per garantire un approvvigionamento sicuro di medicinali” , conclude Nicole Demierre Rossier.

Si parla anche di un migliore monitoraggio delle forniture, di identificare i problemi in anticipo, di facilitare le procedure di autorizzazione e di importazione e di estendere l’obbligo di mantenere le scorte. Sono tutte misure volte ad allentare le tensioni. Le attuali difficoltà ricordano quanto sia strategica l’industria farmaceutica. Le carenze sono anche il risultato delle scelte dei laboratori che stanno abbandonando i farmaci più vecchi, meno redditizi dopo la scadenza dei brevetti.

Di conseguenza, l’UFSP si è astenuto dal ridurre il prezzo dei prodotti salvavita a basso costo, quando giustificato, nell’ambito della sua regolare revisione dei prezzi dei farmaci. Consapevole del fatto che la riduzione dei prezzi potrebbe indurre i produttori a ritirare dal mercato svizzero alcuni farmaci salvavita (in particolare gli antibiotici) per mancanza di redditività, l’UFSP ha deciso di aumentare il prezzo di tali farmaci per garantire l’approvvigionamento della popolazione svizzera. Il prezzo da pagare per un’uscita sostenibile dalla crisi…

La Rédaction – Vita OTChttps://www.vita-otc.ch

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -
 

Articoli Recenti