sabato, Giugno 12, 2021
 

Gesti barriera: quanto sono efficaci nel prevenire le infezioni?

Mantenere le distanze, limitare gli spostamenti, indossare la mascherina, lavarsi le mani regolarmente, aerare gli spazi interni… L’osservanza delle regole di igiene e di comportamento durante la pandemia di SARS-CoV-2 ha portato a una riduzione del numero di infezioni in Svizzera.

Le principali infezioni respiratorie in calo

Ogni inverno, i virus dell’influenza circolano provocando spesso un’ondata di contagi. L’UFSP stima, per estrapolazione, che in Svizzera, nell’inverno 2019/2020, 228’250 persone hanno consultato un medico per una forma di influenza. Invece l’ondata di influenza 2020/2021 è stata totalmente assente grazie alle misure di protezione contro il Covid-19. La sua incidenza per 100.000 abitanti segnalata è diminuita da 129 nel 2020 a 0,92 per il periodo gennaio-maggio 2021.

Anche i casi segnalati di tubercolosi sono diminuiti: 431 casi nel 2019 contro i 373 del 2020. Quanto alle infezioni da pneumococco (Streptococcus pneumoniae) sono diminuite del 36% negli ultimi due anni. Tutte queste infezioni, trasmesse tramite goccioline o aerosol, sono state parzialmente evitate grazie alle misure sanitarie.

Quali sono stati gli effetti sulle trasmissioni oro-fecali e le IST?

Il distanziamento sociale e il frequente lavaggio delle mani hanno ridotto significativamente i casi di infezione da salmonellosi e di contaminazione da batterio E.coli.

Per quanto riguarda le infezioni sessualmente trasmissibili (IST), l’incidenza su 100’000 abitanti dell’HIV (virus dell’immunodeficienza umana) è passata, fra il 2019 e il 2020, da 4,97 a 3,21. Nel 2020 i nuovi casi segnalati sono stati 283 contro i 430 dell’anno precedente. Anche le altre IST, come la sifilide, la clamidia e la gonorrea risultano in netta diminuzione fra il 2019 e il 2020.

Per gli specialisti, la diminuzione delle IST è riconducibile alle restrizioni sanitarie e al confinamento, ma anche alla PrEP, la profilassi pre-esposizione. Un trattamento che previene e limita l’insorgenza dell’HIV e che offre ai pazienti la possibilità di sottoporsi ad uno screening trimestrale per le principali IST.

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -
 

Articoli Recenti