venerdì, Luglio 1, 2022
 

Come assumere con successo?

Il reclutamento di un nuovo dipendente è una questione importante: si tratta di dare fiducia a una persona che non si conosce, dopo uno o due colloqui di pochi minuti. Il processo è delicato, poiché coinvolge molti fattori umani che a volte possono portare a una scelta sbagliata, che può costare molto cara. Per evitare di prendere una decisione sbagliata, è fondamentale non bruciare le tappe.

Definire chiaramente le proprie esigenze

Come per ogni progetto professionale, il reclutamento richiede una fase di preparazione che consiste nel definire con precisione esigenze e obiettivi. In particolare, dovrete stabilire l’impegno di tempo e il livello di esperienza desiderati. Può essere molto utile stilare un elenco delle competenze richieste – in termini di conoscenze, know-how e capacità relazionali – sotto forma di tabella che distingue tra competenze essenziali (senza le quali non si può aspirare al ruolo), competenze importanti ma che, qualora assenti, possono essere acquisite rapidamente e competenze «bonus» (opzionali, ma interessanti). Se non disponete già di questo tipo di profilo nel vostro team, potrebbe essere vantaggioso per la vostra azienda rivolgersi a candidati farmacisti che abbiano, per esempio, integrato la loro formazione di base con una certificazione in farmacia veterinaria o in medicina alternativa (aromaterapia, fitoterapia, ecc.). Si può anche pensare di assumere uno specialista in gestione finanziaria o del personale. Infine, la conoscenza delle lingue straniere può essere una risorsa importante per la vostra attività, sia per un assistente che per un farmacista.

I diversi canali di reclutamento

Oltre ai siti di lavoro standard (Indeed, jobup.ch, jobs.ch) su cui è possibile pubblicare gratuitamente la propria offerta di lavoro, i social network professionali, in particolare Linkedin, sono il mezzo preferito per trovare candidati. Tuttavia, diversi siti dedicati all’occupazione nel settore farmaceutico vi permetteranno di puntare in modo più diretto al vostro futuro collaboratore: il sito Pharmapro.ch, ad esempio, offre la possibilità di pubblicare la propria offerta di lavoro per 9 settimane, a partire da 350 franchi; durante questo periodo, avrete accesso all’archivio di CV della piattaforma. Dal canto suo, la Società Svizzera dei Farmacisti offre la possibilità di pubblicare un’offerta di lavoro sia sul suo sito web che sul giornale dell’associazione, il pharmaJournal. Si noti che anche le università di Ginevra, Basilea, Berna e il Politecnico di Zurigo – che offrono una formazione completa per farmacisti di officina – possono essere dei buoni canali di reclutamento (tramite le associazioni di ex studenti o la sezione «impiego» dei loro siti web). Infine, se avete poco tempo, qualsiasi agenzia di reclutamento sarà lieta di trovare il candidato giusto per voi! Sebbene questo approccio sia più costoso, vi garantisce anche di incontrare per un colloquio solo i profili più interessanti.

Preparare adeguatamente i colloqui

In concreto, probabilmente state cercando di assumere un assistente o un farmacista. Nel primo caso, il candidato deve necessariamente poter presentare l’Attestato Federale di Competenza (AFC) per assistenti. Allo stesso modo, se state cercando di assumere un altro farmacista, questi deve essere in possesso di un diploma federale in farmacia ottenuto al termine del master, indispensabile per lavorare in farmacia. Ma non è solo il diploma che vi permetterà di scegliere tra i candidati: il vostro futuro collaboratore dovrà anche mostrare tutte le qualità richieste per lavorare in una farmacia, ovvero spirito commerciale, discrezione, aspetto curato, senso dell’organizzazione, propensione al lavoro di squadra e, naturalmente, un deciso interesse per il settore sanitario. Anche l’orientamento al cliente e la propensione alla consulenza sono criteri decisivi per l’assunzione. Per testare la personalità del candidato, nonché per valutare la sua capacità di ascolto e di empatia, è consigliabile preparare in anticipo alcuni scenari deliberatamente problematici.

Integrare il vostro nuovo collaboratore all’interno del team

Se tutti i candidati visti al colloquio sono ugualmente validi, saranno le vostre sensazioni personali a permettervi di individuare il fortunato: infatti, è meglio scegliere la persona con cui voi e i vostri colleghi potreste avere maggiore affinità, per non compromettere la buona sinergia (e la buona atmosfera!) che regna nella vostra farmacia. Non esitate a chiedere a uno dei vostri attuali dipendenti di assistervi durante i colloqui: due opinioni sono meglio di una. Una volta assunta la persona giusta, dovrete assicurarvi che si integri bene all’interno della vostra attività, altrimenti potrebbe essere tentata di rescindere il contratto durante il periodo di prova per vedere se l’erba è più verde altrove. Fin dal primo giorno e durante le prime settimane, il nuovo collaboratore deve avere tutte le informazioni necessarie per prendere servizio, a partire da un’adeguata introduzione alla vostra farmacia (e agli altri membri del team!): questo include l’organizzazione dei banchi, il magazzino e i vari scaffali, le attrezzature informatiche, compreso il software gestionale, le schede dei clienti, ecc. Idealmente, la nuova recluta non dovrebbe mai essere colta impreparata e dovrebbe essere in grado di affrontare qualsiasi eventualità. Dopo una settimana notate che il vostro nuovo collaboratore sembra trovarsi a suo agio nella vostra farmacia, sta facendo un buon lavoro e va d’accordo con tutto il team? Congratulazioni, avete fatto la scelta giusta! Infine, non dimenticate di rispondere ai candidati non selezionati, se possibile giustificando il motivo della vostra scelta: ciò permetterà loro di «riprendersi» più rapidamente.

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -
 

Articoli Recenti