mercoledì, Agosto 4, 2021
 

Artrosi? Ecco come aiutare i vostri clienti

Tanto fastidiosa quanto diffusa, l’artrosi interessa il 95% degli anziani di più di 65 anni. Prima dei 65 anni, la causa più frequente è un forte sovrappeso.

La si può definire “un’alterazione progressiva della cartilagine articolare” oppure, più semplicemente, un fenomeno di usura e di invecchiamento articolare. I sintomi sono dolore, rigidità, riduzione della mobilità e spesso anche gonfiore. A uno stadio più avanzato possono comparire delle deformazioni. Tra le cause, oltre all’invecchiamento, le sollecitazioni eccessive e ripetute dell’articolazione, le posture sbagliate, la sedentarietà e il sovrappeso. Questa malattia reumatica interessa per lo più il ginocchio, l’anca e le dita.

Spiegate ai vostri clienti che non siamo affatto inermi di fronte a questo “flagello delle articolazioni”! La lotta contro l’artrosi dipende da diversi fattori.

  • Rallentare il deterioramento della cartilagine. Poiché l’artrosi può essere assimilata ad un fenomeno di degenerazione ossidativa, gli antiossidanti sono molto indicati. L’elenco di queste numerosissime sostanze comprende il betacarotene, le vitamine C, E, B2e B3, gli oligoelementi selenio, zinco, zolfo, manganese e molibdeno, gli aminoacidi solforati metionina, cisteina, taurina e glutammina, il coenzima Q10, la curcuma, l’aglio, ecc.
  • Supportare la sintesi della cartilagine articolare. La condroitina solfato e la glucosamina solfato rigenerano la cartilagine, mentre la vitamina C e gli oligoelementi quali rame, manganese, zinco e selenio influenzano favorevolmente il metabolismo cartilagineo.
  • Calmare l’infiammazione da usura della cartilagine (promemoria: l’artrosi non è una patologia infiammatoria come l’artrite, bensì degenerativa). Vanno menzionati soprattutto il rame, lo zolfo e gli acidi omega-3.

Un elemento fondamentale

Come si è visto, lo zolfo è presente in tutte le misure indicate. Sebbene l’apporto alimentare sia per lo più sufficiente, il fabbisogno può essere maggiore in presenza di malattie dell’apparato locomotore e di attività fisica molto intensa. Può essere assunto in forma di MSM, un composto organico a base di zolfo.

L’assunzione di MSM deve essere accompagnata da un consumo sufficiente di molibdene, oligoelemento che intervie nel metabolismo dello zolfo (fonti: verdura verde, cavolo rosso, fagioli bianchi, patate, riso, germe di grano, etc.)

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -
 

Articoli Recenti